Immaginario reale


Mostra fotografica multimediale
Sculture di Erminio Tansini
Dal 27 giugno al 6 settembre 2020
Davide Tansini, “Forme sfuggenti #10 – Punta Mesco”, 2018, fotografia digitale. Monterosso al Mare (La Spezia, Liguria – Cinque Terre, Italia)

La fotografia è stata scattata sulla Scogliera di Fegina, alla foce del rio Molinelli. L’altro sito utilizzato per le riprese della tappa monterossina della rassegna «Forme sfuggenti» è la falesia orientale del Monte Focone, verso Punta Mesco.

Sullo sfondo dell’immagine compare la dorsale montuosa che si allunga da Nord-Ovest a Sud-Est racchiudendo le Cinque Terre. La postazione scelta per la scenarizzazione della scultura consente di abbracciare con lo sguardo (da sinistra verso destra) gli abitati di Vernazza, Corniglia, Volastra, Manarola e Riomaggiore fino a Punta Montenero.

Erminio Tansini ha creato l’opera scultorea con materiali lignei rinvenuti tra la stessa Scogliera di Fegina e la Spiaggia di Punta Mesco (situata dalla parte opposta rispetto all’inquadratura).

La medesima scultura è stata utilizzata per le riprese di altre tappe di «Forme sfuggenti»: a Pellegrino Parmense, Medesano, Pontremoli, Cremona, Maccastorna, Lugano, Bedonia, Roccaforte Ligure, Levanto, Roquebrune-Cap-Martin, Solignano, Formigara, Zavattarello, Travo, Pavia, Massa, Acquanegra Cremonese, Portofino e Monaco.

La fotografia è stata esposta durante le seguenti mostre delle serie itineranti «Chimere» e «Forme, materia, colore»: Percorsi d’impressioni (Castello Doria di Vernazza, luglio-agosto 2018), Percezioni inattese (Castello Doria di Porto Venere, settembre 2018), Concrete illusioni (Palazzo San Pietro di Piacenza, maggio-giugno 2019), Mutevoli apparenze (Palazzo Comunale di Monterosso al Mare, luglio 2019), Miraggi (Palazzo Comunale di Levanto, agosto 2019) e Sensazioni visive (Palazzo San Filippo di Lodi, settembre 2019).

© «In arce»: tutti i diritti riservati – Pubblicato il 27 giugno 2020 – Aggiornato al 31 luglio 2020